Come Scegliere una Tenda per il Campeggio

Se apprezzate la vacanza all’aperto sicuramente il campeggio sapete come funziona. Ma è fondamentale proprio per chi va in campeggio, la scelta della tenda da portare con sè. In questa guida ecco come si sceglie la tenda da campeggio e quali caratteristiche deve avere.

La prima cosa che devi vedere è il numero dei posti della tenda stessa in base alle tue esigenze.
Ti consiglio di optare per dei modelli che abbiano un numero di posti maggiore rispetto alle persone che, effettivamente, occuperanno la tenda. Se si è in due, per intenderci, meglio acquistare una tenda da tre o quattro posti e così via.

Ti raccomando di scegliere i modelli che montano anche una piccola veranda, separata dall’ambiente in cui si dorme, perché offrono la possibilità di riporre scarpe o indumenti bagnati, particolarmente fastidiosi se vicini al nostro sacco a pelo durante la notte. Per quanto riguarda la forma della stessa, ci sono certamente le tende a “igloo”, a “cupola”, a “tunnel”, ma se devi soggiornare parecchio, ti consiglio un modello a “casetta”.

Altra cosa che non devi assolutamente sottovalutare è il peso, perché deve garantire comodità ma, allo stesso tempo, deve anche essere pratica e facilmente trasportabile. Una volta ripiegata e riposta nella sacca, insomma, non dovrebbe rappresentare, di norma, un ulteriore problema. Quindi attento al materiale della struttura. Ovviamente dipende dal prezzo che sei disposto a spendere.


Come Scrivere un Diario

Sono in molti gli adolescenti, e non solo, che riversano all’interno del proprio diario una marea di pensieri, emozioni, riflessioni, che giorno dopo giorno li accompagnano nel quotidiano. Non vi sono regole generalizzate, trattandosi di un qualcosa di altamente personale, per cui in questa guida troverai semplicemente qualche consiglio per scrivere al meglio il tuo diario.

Come detto non esiste assolutamente alcuna regola nella scrittura e nella compilazione del tuo diario. La prima cosa che devi pensare mentre scrivi è quella che il destinatario di ogni tua parola, di quei pensieri più intimi, sei proprio tu. Questo perchè il diario è qualcosa di altamente personale.. Qualcosa che a distanza di tempo è bello rileggere. Quindi, parla in prima persona!

Non perdere mai di vista quello che è il tuo scopo: raccontarti, in modo che rileggendo tu possa ritrovarti in te stesso. Rifletti sugli avvenimenti che ti sono avvenuti nell’arco della giornata.. i pensieri cambiano di momento in momento, quindi se riesci a fissarli puoi ritrovarli. Per non fare confusione, naturalmente, scrivi in ordine cronologico.

Cerca di porti la domanda: cosa è successo da quando ho chiuso ieri questo diario? Ripercorrendo la tua giornata quindi, rispondi a questo quesito. Per una maggiore linearità è bene che tu parli prima in generale di tutto, e che poi ti soffermi su quei punti che ti hanno maggiormente colpito. Non fossilizzarti mai su un solo argomento. Rischi di annoiare te stesso, ed utilizza un linguaggio semplice ed immediato. Non perderti alla ricerca di paroloni vari, ma sii te stesso in tutto e per tutto.


Come Scegliere la Scheda Audio

La scheda audio è lo strumento che permette di registrare, grazie all’ausilio di un computer, i suoni catturati dal microfono. Ovviamente esistono diversi tipi di schede con caratteristiche differenti. Lo scopo della guida è quella di permetterti di scegliere la scheda audio più adatta alle tue esigenze.

Per iniziare bisogna tenere presente per quale motivo si intende acquistare una scheda audio. Una scheda audio destinata ad un amatore avrà delle caratteristiche minori rispetto ad una utilizzata in uno studio di registrazione professionale. Tuttavia oggigiorno è possibile con poche centinaia di euro acquistare delle schede audio che garantiscono ottimi risultati!

Il primo fattore da tenere in considerazione è quello relativo ai Bit e ai Khz. Senza entrare nello specifico, ti basterà saperà che maggiori saranno questi valori, tanto più la scheda sarà in grado di riprodurre fedelmente il suono catturato. Negli studi di registrazione professionali si utilizzano schedere capaci di registrare a 24 bit e a 192 khz.

C’è poi da tenere in considerazione il tipo di preamplificatori utilizzati nella scheda. Questi sono responsabili, insieme ai fattori appena citati, della qualità del segnale catturato. Le schede audio dotate di buoni preamplificatori costano molto più rispetto a quelle che ne utilizzano di bassa qualità (tuttavia questo non è un aspetto da trascurare nel momento in cui devi effettuare il tuo acquisto). Altro fattore è quello relativo al numero di input e di output. Una scheda audio con un buon numero di ingressi permetterà ovviamente di registrare più strumenti contemporaneamente (come ad esempio una batteria acustica).


Come Rendere un Natante Adatto per la Pesca

Avete una barca e vi piace pescare. Con questa guida vi spiegherò alcuni accorgimenti e modifiche da apportare al vostro mezzo in modo da migliorare l’azione di pesca. Vedremo passo per passo ogni piccolo dettaglio fino a rendere il vostro mezzo di navigazione marittimo un vero e proprio pescatore. Questa guida è valida per ogni tipologia di natante.

Come primo passo dovremo occuparci dell’elettronica: ecoscandaglio e gps. Questi due elementi sono fondamentali! Partiamo dall’ecoscandaglio. Esso è uno strumento ecometro ultracustico utilizzato per misurare la profondità delle acque in cui si naviga (mari, laghi, fiumi ecc.). Tutto ciò è reso possibile grazie alla tecnologia adoperata tipicamente con i Sonar. Ne troverete in commercio di tutte le tipologie e prezzo (da 100 a 1000 euro). Dovete ricordarvi che è sempre meglio spendere un po’ di più ed avere un buon prodotto che risparmiare ed avere un prodotto scadente. Quando lo installerete, dovrete porre lo schermo in modo da essere visibile dal pozzetto.

Il secondo acquisto dovrà essere il Gps, rigorosamente cartografico. Per i pochi che non dovessero conoscere questo comune strumento, esso consiste in un sistema di posizionamento e navigazione satellitare civile che, grazie ad una rete appositamente configurata di satelliti in orbita, fornisce svariate informazione al terminale usato dal viaggiatore (coordinate geografiche, condizioni metereologiche, orario ecc.). Anche qui vige la regola precedente, in quanto in commercio potrete trovare svariati modelli. Non è importante, in questo caso che lo schermo del Gps sia visibile da tutto il pozzetto, ma basterà che voi lo possiate vedere durante la navigazione. Da non sottovalutare un’utile conseguenza all’utilizzo di questo strumento: infatti, esso vi permetterà di risparmiare carburante, in quanto, impostando una rotta, non correrete il rischio di sbagliare e dover allungare la traiettoria.

Il terzo passo sono i portacanne, utili strumenti in cui si immettono le canne da pesca (una per ciascun portacanne) cosicché voi possiate controllare diversi punti di pesca. Anche in questo caso in commercio se ne trovano molti, ma la vostra scelta dovrà ricadere su quelli in acciaio INOX. Per una buona azione di pesca bisogna mettere due portacanne nei due giardinetti della barca (meglio se ad incasso) e due portacanne a poppa. Se il vostro natante è un semplice canotto gonfiabile come questi, ovviamente servirà un portacanne apposito. Inoltre, se la vostra barca ha un T-Top (il caratteristico tettuccio posto solitamente sulle imbarcazioni di piccole dimensioni) potrete mettere altri portacanne “alti” (sempre in acciaio INOX), utili sia in pesca che a riposo.
Non dimenticare mai: Meglio un portacanne in più che uno in meno.


Come Scegliere la Scuola di Danza Giusta

La prima che suggerisco è riflettere bene sull’importanza della scelta della scuola di danza classica. I risultati successivi dipenderanno non solo dall’impegno investito e dai sacrifici fatti, ma anche dagli insegnamenti e dal tipo di guida che troverai nel tuo percorso.

Prima di tutto fai attenzione. Una vera scuola di danza per essere degna di questo nome deve avere i seguenti requisiti: Insegnanti Qualificati, Corsi per tutti i livelli, Ambiente accogliente e luminoso, Spogliatoi capienti, Servizi igienici, Docce e Sala di Danza ampia e idonea. La sala di danza è fondamentale. Si tratta di una stanza attrezzata, dove si trascorrerà la maggior parte del tempo per gli allenamenti e deve avere alcune importanti caratteristiche: Ampiezza e ariosità, Luminosità, Sbarre a doppia altezza, Pavimentazione in legno con un spessore rialzato tra i 15- 20 cm, Specchi che coprano le pareti, presenza di un pianoforte e buon impianto audiofonico.

Risulta essere importante che tu sappia riconoscere la preparazione degli insegnanti, diffida dagli insegnanti falsi; purtroppo le scuole di danza spuntano come funghi all’improvviso, quindi sarà semplice per chi non è del mestiere imbattersi o avere a che fare con persone poco preparate nell’ambito. Quindi fai delle ricerche prima di affidarti completamente.

Tutto ciò non è solo disonesto, ma può provocare danni seri agli aspiranti ballerini a livello fisico. Mentre l’insegnante ideale propone un percorso di studi adatto alle tue caratteristiche quali possono essere: l’ età, la crescita fisica e professionale, ovviamente seguendo un suo metodo preciso di insegnamento.