Come Fare Etichette Fantasia

Tra poco si torna a scuola e bisogna comprare le etichette da mettere sui libri e sui quaderni.Se vuoi qualcosa di originale puoi confezionare le etichette per i tuoi bambini. Coinvolgi anche loro,questo li aiuterà a trattare bene libri e quaderni che non sono visti bene dai nostri bambini.

Disegna un cuore, una freccia a zig zag, un fiore, e una faccia. Ritaglia i modelli due volte e usa fogli di colore diverso. Per la frangia della faccia e per le foglie del fiore usa le forbici seghettate. Incolla gli elementi gli uni sugli altri. Per la freccia, ritaglia l’asta con le forbici seghettate.

Fai un piccolo taglio al centro del cuore e infilaci la freccia. Attacca sul fiore un cerchio di gommapiuma giallo, con la perforatrice fai un foro e infilaci un laccio colorato che legherai alla spirale di un quaderno. Con un pennarello nero scrivi il proprio nome. Attacca la frangia alla faccia e con il pennarello nero fai bocca, occhi e naso.

Sul retro delle carte adesive, traccia dei rettangoli di 6 x 10 cm. Ritaglia con le forbici seghettate i e incolla sui quaderni. Oppure disegna delle facce sul retro delle carte adesive. Disegna anche i capelli,occhi e vestiti, usa colori diversi. Ritaglia. Incolla sulle etichette prima i capelli e i vestiti poi le facce.


Come Arredare una Camera in Modo Originale

Pareti bianche e spoglie? Camere tristi e anonime? Basta un po’ di creatività e sarete sommersi dai colori!
Ecco alcune simpatiche idee per migliorare l’aspetto della vostra camera.

Da quando sono piccola ho sempre condiviso la mia camera da letto con mio fratello minore. Se da un lato questa situazione è sempre stata sufficientemente piacevole (almeno fino all’adolescenza!) per i momenti di condivisione passati con mio fratello, da un lato più prettamente materiale mi ha sempre portata a sacrificare i miei spazi e anche la mia creatività!!
Ora che invece vivo da sola per motivi di studio in un’altra città e che ho a disposizione una camera tutta per me, mi dedico ogni anno a reinventarmi la stanza in maniera originale. Se siete interessati vi propongo alcuni modi simpatici per arredare la vostra stanza utilizzando materiale poco costoso.

Decorazione della porta:
mi è capitato di vivere in una casa in cui le porte delle camere da letto erano a vetri. Questo era un problema in alcuni momenti della giornata poiché vi era un eccessivo passaggio di luce. Allora per risolvere questo problema e evitare sguardi indiscreti dei miei coinquilini ho pensato di ricoprire il vetro della mia porta con una carta colorata. All’ikea vendono un sacco di carte da regalo simpatiche e colorate, molto resistenti, utili per certi tipi di utilizzi. L’unico inconveniente di questo tipo di carta è che è colorata solo da un lato.
Non contenta di avere all’interno un bel colore e una copertura, decisi di ritagliare tanti pezzi della stessa carta riprendendo le forme geometriche presenti nella trama. Si trattava di una trama floreale-tribale: tutti questi pezzi di varie dimensioni li attaccai sulla parte bianca (il retro) della carta da regalo a formare un’altra fantasia che era possibile vedere sia in controluce dall’interno della camera, ma soprattutto all’esterno di essa. In questo modo si creava anche un effetto vetrato e gradevole dall’esterno della stanza.

Assemblaggio fotografie
Mi è sempre piaciuta l’idea di riempire le pareti della mia camera con tante fotografie o immagini prese da riviste e quant’altro. E ultimamente mi sono appassionata alla creazione di murales colorati creati in questo modo: prima di tutto decido il punto della parete che voglio riempire del murales. Successivamente prendo le misure dello spazio a disposizione e della stessa misura compro o creo un grande rettangolo di fogli bianchi sul quale poi andrò ad assemblare tutte le immagini che vorrò.
In questo modo, se mai un giorno dovessi cambiare idea e volessi togliere tutte le immagini dal muro, non sarei costretta a stare per molto tempo sulla scala a togliere una ad una le immagini, ma semplicemente staccherei le quattro puntine che mantengono il grande foglio bianco. Si può ovviamente variare colore di foglio e composizione delle foto/immagini. Io di solito tendo ad assemblare per tonalità, quindi cerco di sfumare da un colore all’altro per dare un minimo senso di armonia. Ma anche un murales incasinato non è male! Ovviamente questo dipende dai gusti.
Sempre per la parete, ho scelto un portabottiglie in legno, che con il suo stile classico offre un certo contrasto con il resto dell’ambiente. Se si preferisce un modello moderno le soluzioni comunque non mancano e per dettagli è possibile vedere il sito Portabottiglie.net dedicato all’argomento.

Decorare armadi moderni
Non è il mio caso, ma ultimamente si vendono armadi le cui ante sono suddivise in pannelli colorati ricoperti da sfoglie di plexiglas. Questo sistema nasce per cambiare la disposizione dei pannelli, ma si può utilizzare anche in modo più originale: per esempio una bella idea sarebbe quella di dipingere con pitture acriliche (che sono lavabili, soprattutto su sostanze plastiche, quali il pannello che si trova sotto ai plexiglas) i pannelli delle ante.
Proprio perché questi pannelli sono estraibili e interscambiabili si può fare in modo da rendere tutti i pannelli potenzialmente adiacenti, creando in questo modo combinazioni diverse con una stessa variazione (questo è reso ancora più possibile se dipingiamo soggetti geometrici o tribali o semplicemente astratti).
Il colore acrilico può essere utilizzato su qualsiasi legno verniciato: se mai vi stancherete del disegno, potrete rimuoverlo facilmente con una spugna abrasiva. Se usato con poca acqua sarà ancora più semplice lavarlo via. Il plexiglas, d’altro canto, farà in modo che il vostro dipinto rimanga sempre pulito e protetto, proprio come se fosse esposto in una cornice.

Decorare vecchi comodini:
in un’altra casa in cui ho abitato mi sono ritrovata in stanza vecchi mobili che la mia padrona voleva buttare perché ormai in disuso. Ne ho approfittato per provare la tecnica del decoupage! Ho stampato in bianco e nero varie fotografie di momenti divertenti passati con i miei amici e con tanta pazienza e moltissima colla ho rivestito un intero comodino con queste fotografie. La resa finale è stata molto soddisfacente e in questo modo ho salvato un vecchissimo comodino da morte certa!!

Spero che queste soluzioni vi siano piaciute e vi siano utili per decorare la vostra stanza in maniera originale. Come avete potuto notare, non ho utilizzato chissà quale grande e dispendioso materiale. Si è trattato di utilizzare oggetti già presenti in casa e tanta fantasia. Quella che spero di avervi messo in moto.


Come Fare un Invito Secondo il Galateo

Come ci si deve comportare quando si decide di riunire qualche ospite? Quando e come si fanno gli inviti? Ecco tutti i consigli da seguire per rispettare le regole del bon ton. In questa guida cercheremo di rispondere tempestivamente a tutti i tuoi dubbi.

Per cominciare, la scelta dei tuo ospiti è importantissima. E’ bene che tu cerchi di invitare insieme persone che abbiano qualche affinità (età, professione, interessi ecc.) in modo tale che la conversazione sia più agevole. Per quanto riguarda il numero degli invitati, esso dipende da vari fattori, dal tipo di ricevimento e ovviamente dalla capienza della casa.

Una volta fatta la lista degli invitati devi occuparti degli inviti veri e propri. L’invito scritto è riservato ai ricevimenti più impegnativi e ufficiali. L’invito fatto a voce è invece il più diretto e gentile, ma non è sempre possibile farlo. Il mezzo più comodo è perciò il telefono, ideale per inviti non ufficiali e disinvolti. In questo caso devi essere chiara sull’ora, il giorno e il tipo di ricevimento.

Per un ballo, una festa di nozze, un ricevimento in grande, è bene che tu faccia gli inviti con almeno due settimane di anticipo. A volte può capitare che un invito ti venga rifiutato: in questo caso dovrai accettare senza insistere troppo e non ti dovrai offendere per il contrattempo. Infine, se ti dovesse capitare di rimandare l’invito, scusati con gli ospiti e cerca motivazioni valide per spiegare l’imprevisto.


Come Fare Durare i Bijoux

Come resistere alla tentazione di ricoprirsi di bijoux? Le bancarelle con i loro colori scintillanti e i prezzi competitivi sono una vera delizia per le donne. Certo i gioielli non sono come quelli veri ma consentono di essere alla moda senza dilapidare il portafogli.

Un ottimo surrogato per avere uno scintillio dall’elevato piacere visivo. Spesso i bijoux a basso costo hanno vita breve. Anche se si è attenti ad evitarne il contatto con l’acqua è difficile impedirne l’ossidazione. Di seguito vi sveleremo un piccolo segreto per far durare i vostri gioiellini almeno per una stagione.

Soprattutto se siete delle patite del fai-da-te, avrete sicuramente a disposizione una vernice trasparente. Di quelle che si adoperano per rifinire i lavori in decoupage o le creazioni in pasta di sale. Se non disponete di questa vernice sappiate che va benissimo il comune smalto per unghie trasparente.

Prendete i vostri bijoux e disponeteli su un tavolo che avrete preventivamente coperto con qualche vecchio quotidiano. Spennellate i vostri gioiellini su tutta la loro superficie. Non dimenticate le scanalature e tutti gli angoli. Questo procedimento eviterà l’ossidazione e dovrà essere effettuato quando i bijoux sono nuovi. Lasciate asciugare qualche ora e poi indossate i vostri gioiellini senza pensieri. Ripetete l’operazione ogni due o tre settimane.


Come Fare Durare i Collant

I collant sono un valido complemento per la nostra eleganza, però costano sempre di più e, come se non bastasse, sono sempre più costosi! Ci sono alcuni accorgimenti che puoi mettere in atto quando li lavi per mantenerli un po’ più a lungo, senza indebolire le fibre.

Di solito i lavaggi in lavatrice indeboliscono le fibre dei collant, che in questo modo risultano più delicati e si rompono più facilmente con gli usi successivi.
Meglio lavarli a mano, in questo modo.
Metti in una bacinella di plastica un po’ di acqua appena tiepida e aggiungi un po’ di detersivo per capi delicati (dosalo in base alle indicazioni sulla confezione).

A questo punto agitali un po’ nell’acqua per pulirli bene e sciacquali sotto l’acqua corrente.
Strizzali torcendoli un po’, ma delicatamente, in modo da togliere l’acqua in eccesso.
Stendili lontani da fonti di calore (mai troppo vicini al calorifero).
Se fuori c’è vento, evita di stenderli all’aperto, rischieresti di tirare i fili.
In questo modo durano davvero un po’ di più, a meno che prendi dentro con qualcosa quando li indossi.

Non inserirli in lavatrice direttamente con gli altri capi ma mettili in un sacchettino in modo da proteggerli un po’.
Esistono in commercio i sacchetti appositi per lavare i capi delicati in lavatrice ma non è necessario averne uno.
Per questo scopo, puoi utilizzare una federa, che chiuderai con un elastico in spugna (di quelli per i capelli). Verifica però prima che non lasci il colore, per non macchiare i capi.